L’alimentazione sana fa bene al nostro corpo, in particolar modo al cervello. Essa gli permette di assumere i nutrienti, le vitamine e i sali minerali necessari per svolgere le sue funzioni. Quel che mangiamo ha un impatto diretto sui nostri livelli di concentrazione e attenzione: più il cibo è sano, migliore sarà la nostra prestazione a livello mentale.

Alcuni alimenti hanno un effetto particolarmente positivo sulle nostre capacità cognitive, tanto da essersi guadagnati l’appellativo di “brain food”.

Quanta energia serve al nostro cervello?

Il cervello consuma circa un quinto dell’intero fabbisogno energetico del nostro corpo. Ecco perché è importante fornirgli la giusta quantità di nutrienti. I carboidrati sono tra le principali fonti di energia per il nostro cervello. Per garantirgliene una dose sufficiente e duratura, l’ideale sarebbe optare per cibi contenenti carboidrati complessi. Le lunghe catene di molecole che li formano vengono separate a poco a poco dal nostro corpo, il che garantisce un costante apporto di energia. I fiocchi d’avena, per esempio, sono un esempio calzante di questi cibi a base di carboidrati complessi. Iniziate dunque la giornata con il nostro amato Porridge con Fragole e Semi di Chia VERIVAL oppure con un altro dei nostri porridge: il vostro cervello vi ringrazierà! 😉

4 consigli per essere concentrati al meglio

  1. Affinché il cervello rimanga efficiente a lungo, è consigliabile consumare pasti regolari. Mangiando regolarmente, e dunque assumendo energia, il livello di zucchero nel sangue rimane costantemente elevato, il che è essenziale per fare funzionare il cervello in modo ottimale.
  2. Come già accennato, i carboidrati complessi sono la migliore fonte di energia per il nostro cervello. I carboidrati semplici, formati da catene corte di molecole, fanno aumentare rapidamente il livello di zucchero nel sangue, ma questo effetto svanisce altrettanto rapidamente. Ciò fa sì che ci stanchiamo nell’immediato e sentiamo poco reattivi, perché i livelli di zucchero nel sangue sono diminuiti troppo velocemente.
  3. Non è soltanto la giusta alimentazione a essere fondamentale per il nostro cervello, lo è anche la giusta quantità di liquidi (ad esempio acqua o tè). Se non beviamo a sufficienza, la nostra concentrazione può calare in men che non si dica. La mancanza di liquidi può poi favorire la stanchezza.
  4. Al secondo posto della classifica delle fonti di energia più importanti, dopo i carboidrati, troviamo i grassi. Di questi, i migliori sono gli acidi grassi polinsaturi, i quali hanno un impatto positivo sul funzionamento delle cellule nervose. Gli acidi grassi Omega 3 sono particolarmente importanti per il nostro cervello. Alcuni esempi sono: oli, pesce, noci e frutta essiccata.

Energie kick


Noci: un vero toccasana per il nostro corpo

Non è un caso se già i nostri antenati del Neolitico raccoglievano noci e se poi, successivamente, si sono affermate come brain food per eccellenza. Le noci contengono infatti molte proteine e grassi, fibre, vitamine e sali minerali. In generale, i macronutrienti delle noci sono suddivisi come segue: 20% carboidrati, 50-60% grassi e 15-25% proteine.

Inoltre, le noci sono ricche di acidi grassi Omega 3. Il corpo non riesce a produrre queste sostanze, importantissime per la nostra vita, e dunque devono essere assunte mediante l’alimentazione.

Diversi studi scientifici confermano che le noci hanno un effetto positivo sul nostro cervello e sulle sue prestazioni. Il merito è tutto delle vitamine e dei sali minerali, come la lecitina, e delle diverse vitamine del gruppo B, come la B1, contenute nelle noci.

Vi presentiamo… 6 varietà di frutta a guscio

La noce

La noce non solo ha una forma che ricorda quella del cervello, contiene anche molti nutrienti. Le noci sono in grado di fornire al corpo tantissima energia e di mantenere noi e il nostro cervello sazi. La quantità di acidi grassi Omega 3 è di solito molto elevata. Le noci sono le uniche a contenere anche gli Omega 3, acidi alpha linoleici. Questi ultimi sono in grado di mantenere i livelli di colesterolo nel sangue entro i limiti normali.

La noce pecan

La noce pecan fa parte della stessa famiglia delle noci ma ha un gusto più delicato. Contiene, oltre a tantissime fibre, anche un’elevata quantità di vitamina B1 e fornisce supporto al metabolismo energetico.

La nocciola

La nocciola contiene tantissima vitamina E e protegge le nostre cellule dallo stress ossidativo. Le fibre contenute nelle nocciole giocano un ruolo importante per la nostra digestione.

La mandorla

Le mandorle sono ricche di magnesio, fibre, vitamina E e B2. In particolare, il magnesio è un alleato delle nostre attività cognitive ed è in grado di ridurre al minimo la stanchezza.

Gli anacardi

Gli anacardi si differenziano dagli altri brain food per il loro elevato tasso di magnesio, il quale supporta l’attività muscolare e protegge dai crampi. Inoltre, gli anacardi sono ricchi di ferro, potassio, acido folico e sono ottimi per gli amanti dello sport.

La noce del Brasile

La noce del Brasile non è esattamente una noce, ma un tipo di frutta a guscio. È ricca di vitamina B1, vitamina E, fosforo e selenio. Il fosforo, ad esempio, favorisce un metabolismo energetico equilibrato.

Per poter fornire supporto al vostro cervello, dovreste mangiare ogni giorno una manciata di noci, circa 20-30 g. Misto di noci bio “Early Bird” contiene mandorle, anacardi, nocciole e noci ed è una bomba di energia a lungo termine. Se preferite qualcosa di più fruttato, vi consigliamo il nostro Work Out Misto di noci e frutta bio . La frutta essiccata favorisce la concentrazione, poiché i carboidrati complessi di questi frutti vengono scissi lentamente e rimangono più a lungo nel sangue.

Un’alimentazione equilibrata, che comprenda anche una razione quotidiana di noci, liquidi a sufficienza e pasti regolari sono le regole d’oro per fare del bene al nostro cervello, rimanere concentrati a lungo ed essere efficienti. Cosa aspettate? Correte a mangiarle! 🌰🥜